VIAGGIO ITALIA #25: LUCA BUCCHI E ROBERTO DELL’AQUILA

Questa sera la nostra rubrica #VIAGGIOAMICI vi parla di una bella avventura: quella del biliardo in carrozzina, grazie alla tenacia di due amici, Luca Bucchi e Roberto Dell’Aquila.

Luca Bucchi, a causa di un incidente per un tuffo in mare in acque poco profonde, si procura a 19 anni una lesione delle vertebre cervicali e la relativa lesione del midollo spinale.
Oggi ne ha 53 di anni e tanta grinta e passione lo hanno portato ad essere un abile pittore e a lanciarsi in nuovi progetti.
Roberto, 49 anni, operatore sociale, è stato per un periodo il suo operatore domiciliare e, tra gli interessi che i due condividono, uno tra tutti, il biliardo, ha fatto si che i due si lanciasserò in una bella avventura: promuovere il biliardo per le persone in carrozzina e creare le condizioni affinché nascesse anche in Italia una sezione wheelchair di biliardo cosi come in molti paesi, tra i quali USA e Inghilterra.

A marzo i due si sono messi al lavoro, hanno contattato il Comitato Italiano Paralimpico del CONI: dall’incontro con il Presidente Pancalli è nata la collaborazione con la Fibis, la Federazione italiana di biliardo sportivo.
Il lavoro incessante dei due amici alla ricerca di altri giocatori interessati al biliardo ha fatto si che intorno al progetto si raccogliesse un certo interesse e oggi la squadra romana è composta da 4 giocatori a cui si sono uniti due nuovi giocatori provenienti dall’Abruzzo.

Luca ha progettato per sé una impugnatura speciale per poter impugnare la stecca.
Ci sono anche due amici amputati che giocano con noi in carrozzina pur avendo delle protesi che permettono loro di stare in piedi.
Il gioco è indirizzato a tutti, uomini e donne, ragazzi e anziani.
Chi volesse informazioni su come giocare e dove nelle proprie città può scrive sulla pagina Facebook Biliardo in Carrozzina Italia.

Dal 19 ottobre, per la prima volta nella storia del biliardo italiano, il campionato nazionale di Pool avrà una sezione wheelchair con ben 6 giocatori in carrozzina.

Lascia un commento